Archivi tag: catalani

Il No e Mattarella

Tra UE e Renzi duello infinito: volete troppo. Repubblica esprime i suoi dubbi sul duello che il premier sembra voler ingaggiare con l’Europa. Dà spazio alla risposta di Juncker: avete ottenuto “già 19 miliardi di flessibilità”. Fa i conti e scopre che “ora la manovra dovrà salire di altri 5 miliardi per non toccare l’Iva”. Anche il Corriere, con un editoriale in apertura boccia la politica europea del premier. Il vice direttore Antonio Polito ricorda alcune frasi del premier: quella secondo cui “l’uscita del Regno Unito avrebbe reso più forte l’Europa che restava, e maggiore il ruolo dell’Italia”, l’altra che prefigurava “un nuovo direttorio a tre, con Roma alla pari con Berlino e Parigi”, o infine “la convinzione, espressa prima di Bratislava, che Hollande fosse completamente acquisito alla causa della lotta contro l’austerità”.

“All’origine di questi abbagli – scrive Polito – non c’è solo la fretta di dare buone notizie agli italiani, di mostrare loro che gareggiamo in una categoria di peso superiore al passato. C’è una analisi errata della condizione dell’Italia, che forse indebolisce l’azione riformatrice del governo anche dentro i confini nazionali. In una parola: il nostro Paese è in crisi oppure no? Continua la lettura di Il No e Mattarella

Quella voce ormai stridula

É ora di fare la voce stridula con l’Europa. Altan ha capito tutto e con solita eleganza restituisce la difficoltà che plana sulla politica di Matteo Renzi. Scrive il Corriere: “Un fronte anti Italia sulla flessibilità: la UE ha già dato”. La notizia è che anche Moscovici, il francese socialista, ora dice a Renzi di non esagerare. Così Juncker verrà un Italia – lo spiega il Fatto – non come un presidente quasi sfiduciato a sostenere esami di riparazione, verrà per stanare il turboline di Rignano, per fargli dire finalmente cosa davvero voglia. D’altronde – racconta la Stampa – già a Berlino Angela Merkel gli aveva chiesto: “ma siamo ancora amici?”. Direi che un metodo di lotta politica – quello di Renzi – sta mostrando la corda alla prova dell’Europa. Il nostro si è ben guardato dal mettere in campo idee diverse e discuterle con tenacia e franchezza – come aveva provato a fare Tsipras – anzi si era mostrato allievo zelante della Merkel, sposandone la filosofia neo liberista e conservatrice, ma per poi pretendere un “aiutino” speciale, un bonus nei voti all’Italia in cambio di tanto zelo. Non funziona, così Renzi rischia di isolarsi, è costretto a fare “la voce stridula”, la sua furbizia è stata svelata e ora gli torna in faccia. “Basta flessibilità all’Italia. Nuovo schiaffo al governo”, la Stampa. Continua la lettura di Quella voce ormai stridula