Archivi tag: fini

Tre referendum, tre No

Tre referendum sotto i riflettori. Il primo, in Ungheria: “Uno stop a Orban”, titola il Corriere. Eppure il quesito referendario era ruffiano: “Vuoi tu che il parlamento ungherese abbia l’ultima parola sulle leggi che l’Unione europea ci vuole imporre?”. Che scherziamo? Certo che Sì! Gli ungheresi parlano una lingua diversa da tutte le altre intorno, a scuola apprendono che il primo regno d’Ungheria risale all’anno Mille, e che nel 1848 Budapest insorse contro l’impero asburgico. E invece No! Una maggioranza del popolo magiaro, il 57,1% degli aventi diritto al voto, ha scelto ieri di restarsene a casa, di non andare a votare pur di non dire sì, al suo nazionalismo autoritario, alla strumentalizzazione palese di quei, soli, 1300 profughi che l’Unione europea chiede all’Ungheria di accogliere. Continua la lettura di Tre referendum, tre No

Renzi oltre lo stretto

Oggi è San Prudenzia, siamo stati super prudenti, linea Padoan. Parola del Presidente del Consiglio. Ricorro al titolo del Sole: “Nel DEF (documento di economia e finanza) disavanzo 2017 al 2% + 0,4% di spese fuori patto”. In primavera il governo aveva promesso di mantenere il deficit sotto l’1,8%, ora avrebbe ottenuto (nella trattativa informale con Bruxelles) lo 0,2 di margine visto che la crescita non è arrivata e, di conseguenza, i conti sono peggiorati. Ma l’Italia comunica anche all’Europa – la bozza del DEF è stata consegnata alla mezzanotte di ieri – che investirà denaro che non ha, dunque a debito, per far fronte alle spese per il terremoto e a quelle per i migranti. “Una sorta di soluzione double face – spiega Marco Ruffolo su Repubblica – che da una parte si adegua in prima istanza ai desiderata di Bruxelles ma che dall’altra non esclude la possibilità di finanziare gran parte della prossima manovra con un nuovo forte indebitamento: 9 miliardi e mezzo, che si aggiungono ai 6 e mezzo già riconosciuti dalla Ue. In tutto, dunque, l’intenzione del governo è quella di fare una manovra in deficit per circa 16 miliardi”. Il punto dolente è che questa “flessibilità”, ottenuta o da ottenere, servirà per evitare che scattino le clausole di salvaguardia e l’aumento dell’IVA. La quattordicesima per i pensionati, il taglio delle tasse agli imprenditori e le altre regalie elettorali promesse, andranno finanziate con nuovi tagli, agli enti locali, alla sanità. Non è una prospettiva esaltante. Per non darla vinta ai contabili, Renzi ha deciso di rilanciare. Continua la lettura di Renzi oltre lo stretto