Archivi tag: pilota automatico

I dolori del giovane Renzi

O lo poltrona o la faccia, il Giornale riassume così il dilemma un cui si trova Renzi. “Colle in pressing: avanti con Renzi”, spiega Repubblica. Immagino così quello che Mattarella starà dicendo al Presidente del Consiglio dimissionario: “Matteo, mi pare che tu non voglia un candidato Pd che governi con la maggioranza che vi ha appena mostrato la fiducia in Senato. E sai anche tu che un governo con tutti i partiti dentro non è realizzabile. Capisco allora che vuoi tornare a Palazzo Chigi. Bene, allora ti rimando alle Camere!” Già, ma il perdente del referendum, quello che prometteva “se perdo lascio la politica”, ora non sa cosa gli convenga, come spiega bene Stefano Folli: “Da un lato, un po’ per convinzione e un po’ per farsi coraggio, sostiene la tesi che il 40 per cento dei Sì rappresenta un plebiscito per lui e per il partito personale di cui si sente il leader. Dall’altro teme – non a torto – che lontano da Palazzo Chigi e dalle leve del potere la residua magia del “renzismo” sia destinata ad appannarsi”. Tanto più che la Stampa titola: “Renzi sotto assedio nel Pd: patto Franceschini-Bersani-Orlando, scatta la tenaglia”. Meglio gestire lo scontro nel partito da Palazzo Chigi o rischiare che Pd e maggioranza si facciano piacere i modi più educati di un Gentiloni, di un Padoan, di un Grasso, archiviando la logica binaria (“io o il diluvio”) del renzismo? Continua la lettura di I dolori del giovane Renzi

Black Panther

Micah Xavier Johnson, saluta con il pugno chiuso, soldato in Afghanistan e cecchino nero di poliziotti bianchi a Dallas. Non è l’erede del Black Panther Party for Self-Defence, che nacque mezzo secolo fa e di cui tutti seppero nel 1968, quando Tommie Smith e John Carlos vinsero a Città del Messico la gara dei 200 metri e, immobili sul podio, alzarono al cielo il pugno ricoperto da un guanto. Semmai l’erede, inconsapevole, delle Pantere Nere è Diamond Reynolds, la donna che accende il telefono connesso a Facebook e per 8 minuti mostra in diretta la morte del boyfriend, Philando Castile: You told him to get his ID, sir, his driver licence. Oh my god, please don’t tell me he’s dead… he’s just went like that… “Tu gli hai detto di prendere i documenti e il libretto di circolazione, signore. Dio mio, non dirmi che è morto, in questo modo!”. L’autodifesa della gente nera, dall’incubo dell’odio razziale che riaffiora con la crisi e inghiotte la gente bianca in divisa, è uno smartphone. È la rete che diffonde immagini e testimonianze. È la freddezza di Raimond, con la figlia seduta dietro. Continua la lettura di Black Panther