Archivi tag: votanti

A caldo, su Macron presidente

Ha attraversato da solo la Cour Napoléon du Louvre, accompagnato dalle note dell’Inno alla Gioia, simbolo d’Europa. Poi, sempre da solo sul palco, ha parlato con dietro la piramide di vetro voluta da Mitterrand e accettata Chirac, al tempo sindaco di Parigi. Ha ringraziato chi lo ha votato senza condividerne il programma, solo per sbarrare la strada alla Le Pen. Poi si è rivolto anche al popolo della Le Pen dicendo “sarò il vostro presidente, perché non abbiate più motivo di votare per le estreme”.

Tutto troppo perfetto in questo suo esordio da presidente di Emmanuel Macron. Tutto studiato nei dettagli e recitato a puntino. Con una grande voglia di piacere a tutti e una ferrea volontà di essere “à la hauteur” della storia di Francia. Prima del discorso del Louvre, Macron aveva parlato dal suo quartier generale. Anche lì solo davanti a una telecamera. Discorso solenne, rivolto alla nazione, da vero monarca repubblicano. Continua la lettura di A caldo, su Macron presidente

Sogni e incubi

Da scemo del villaggio a statista. Chi? Ma Jean-Claude Juncker. Fino a ieri il grigio burocrate, l’uomo dei decimali, quello che voleva fare gli esami all’Italia, lui che aveva guidato il governo di un paradiso fiscale come il Lussemburgo. Oggi un grande giornale lo promuove statista. “Europa-Trump, alta tensione”, Repubblica. Solo perché Junker si è lasciato scappare quello che molti diplomatici magari pensano ma che tengono per sé: “Perderemo due anni, il tempo che (Trump) faccia il giro del mondo che non conosce”. La Stampa, sempre ispirata dalla medesima frase, titola: “La ricetta di Trump spaventa la Ue”. Poi spiega: “Mercati senza vincoli e più soldi alla difesa. Juncker attacca: equilibri mondiali a rischio”. Forse chi ha rilanciato questo autorevole grido di dolore ha voluto, per carità, senza dirlo in modo esplicito, criticare il nostro presidente del Consiglio, il quale è tanto veloce da non aver tempo per pensare. Non pago di aver strappato la sua, pur recentissima, foto di Ventotene con Hollande e Merkel, ora deve aver nascosto nelle cantine di Palazzo Chigi la bandiera dell’Unione Europea per presentarsi in conferenza stampa con dietro solo il tricolore. Sconsolato Prodi: “Quando l’ho visto, mi si è stretto il cuore”. Continua la lettura di Sogni e incubi