Archivi tag: antimafia

Trump è nei guai

“Migranti è scontro con l’est”, titola il Corriere. Si è saldato il fronte dei paesi – meglio sarebbe dire dei “regimi” – percorsi da pulsioni autoritarie e xenofobe, Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, e si è saldato contro l’Italia. Non vogliono accogliere nemmeno uno dei profughi che hanno diritto all’asilo, chiedono all’Italia di buttarli in mare, o di trasformare Lampedusa in un lager, un’isola maledetta per dannati senza speranza. Continua la lettura di Trump è nei guai

Sul Codice Antimafia. In Senato.

Sinistra Italiana ha votato a favore del nuovo “Codice Antimafia” perchè lo chiedevano tutte le organizzazioni impegnate nel contrasto del fenomeno mafioso e perchè il provvedimento introduce misure di prevenzione, quali il sequestro dei beni, anche per i corrotti che abbiano accaparrato capitali illeciti in concorso con altri, nell’ambito di una organizzazione a delinquere. Continua la lettura di Sul Codice Antimafia. In Senato.

La “vera” partigiana

Mentre il Caffè aspetta, come tutti, che i voti per corrispondenza decidano se l’Austria avrà un presidente di estrema destra o un verde che fino a ieri sembrava spacciato. Intanto, anche il Caffè, legge questa frase, curiosa per il luogo dove è stata detta: “Il mondo sta attraversando una fase pericolosa, è in atto un disegno di austerità e di neoliberismo che rischia di causare catastrofi, in una società fatta di pochi ricchi e moltissimi poveri”. Il luogo? Cannes, paradiso, durante il festival, di vertiginosi décolleté, paparazzi inarrestabili, di straricchi e strafatti in cerca di escort di lusso. L’ha detta, quella frase, Ken Loach, quando ha saputo di aver vinto la Palma d’Oro con il suo “I, Daniel Black”. L’ha detta per invitare il cinema ad avere coraggio e battersi per il futuro. Continua la lettura di La “vera” partigiana

Jobs act? Zero assunti

Brusca frenata delle assunzioni stabili. Rebubblica pagina 4. Nel primo trimestre 2016 abbiamo avuto 324mila nuovi contratti di lavoro stabili. Le cessazioni sono state 377 mila. Dunque il saldo è ancora attivo, ma se si tiene conto delle trasformazioni, da lavoro a termine a duraturo, 79mila, scopriamo che nel trimestre si sono in realtà perduti più di 21 mila posti di lavoro. La tendenza è però la cosa più preoccupante: i nuovi contratti sono il 77% in meno di quelli dello stesso trimestre del 2015 (assunzioni allora drogata dagli incentivi agli imprenditori, incentivi che hanno provocato un buco nelle casse dell’Inps, con preoccupazioni per le pensioni), ma sono di meno anche delle assunzioni registrate nel primo trimestre del 2014, quando la crisi mordeva e al governo c’era Enrico Letta. Credete che Poletti – non dico Renzi – si scuserà per le balle raccontate sui miracolosi risultati del jobs act? Continua la lettura di Jobs act? Zero assunti