Archivi tag: Berlinguer

L’anatema di Veltroni..e Scalfari

A quel paese!

La lettera UE: impegni non rispettati. La Stampa. “Manovra, ultimatum UE”, Repubblica. “Europa, Renzi pronto al veto”, Corriere della Sera. Ultimatum, veto, davvero siamo a questo? E perché? Per poter elargire qualche mancia elettorale ai pensionati, ai dipendenti pubblici, alla Coldiretti? Perché dopo essere saliti sulla portaerei Garibaldi, Hollande e Merkel hanno lasciato Renzi in anticamera durante il vertice di Bratislava? Davvero non capisco la politica del nostro governo. Che l’Europa avesse intrapreso una strada senza sbocco era chiaro da anni. La Grecia umiliata dalla Troika, la Spagna, che aveva licenziato e sfrattato i nuovi poveri per essere la prima della classe, ma si è poi divisa a tal punto da non riuscire a formare un governo, gli inglesi che hanno disarcionato Cameron e fatto saltare i ponti sulla Manica, i fascisti dell’est Orban e Kaczynski che prendono sussidi e aiuti ma continuano a ricattarci. E noi? Zitti, pensando di essere furbi. Perché loro sono loro, noi no, siamo diversi. Abbiamo fatto i compiti, noi. Angela di qua, Angela di là. Fino a quando il giudizio di Dio, sollecitato con il referendum, non ha rischiato di trasformarsi in una bocciatura del governo in carica. Allora basta: muoia la Merkel e con lei l’Europa. Ma fino al voto perché, nonostante la vignetta di Plantu su Le Monde contrapponga Renzi con il suo “plan B” a un Hollande “Plombé”, plumbeo, con al collo la corda della sua impossibile rielezione, il nostro governo non ha in realtà alcun piano: solo tattica e improvvisazione. Continua la lettura di A quel paese!

Un caffè di traverso

40 giorni al referendum, che strazio! Sbuca da ogni angolo, appare in tv su qualunque canale accendiate, a tradimento la radio ne diffonde la voce. E poi la e-news quotidiana, il retroscena del giorno, e quei tweet preziosi, grondanti buoni sentimenti e intenti ad accaparrarsi ogni merito. Le giovani marmotte, imparato a memoria il manuale, accorrono a sostegno. “Riforma federale, taglia i costi, riduce le immunità, dà zero poteri al Premier e li lascia tutti al Presidente, 800mila firme sono meglio di 500mila perché poi cala il quorum, o ora o non si cambierà mai, il meglio è peggiore del bene, o lui o il caos, con le imprese che smettono di esportare, lo spread che riprende a correre e gli investitori che scappano via”. La politica che vedo sui giornali, in televisione e nelle sedute del parlamento mi pare essersi ridotta a questo: il capo scout che arringa, le giovani marmotte che ripetono. E difendono, insultano e si atteggiano a vittime se qualcuno prova a rispondere. Bersani? Un birraio. D’Alema? Renzi con Obama, voi con Baffino. Il deputato Di Maio? Merita un terzo dello stipendio perché è presente a un terzo delle sedute. Direi che Renzi ha già vinto, perché questo sembra già un regime. Racconto unico: chi provvede per noi e chi gufa roso da livore. Continua la lettura di Un caffè di traverso

Guerra e Rai

Libia piano in tre fasi, dice Repubblica. Quale piano, di grazia? Quando mai la ministra della difesa Pinotti, che ieri ha annunciato il via libera all’uso di basi italiane per bombardare Sirte, ha informato il Parlamento? Eppure straparla di intervento militare da almeno sei mesi. Intendiamoci, il pacifismo assoluto non può essere fatto proprio dagli stati: l’Italia può avere la necessità di difendersi in Libia davanti al rischio che a due passi da casa si costituisca una base di lancio del terrorismo kamikaze. Ma vorremmo sapere quali siano le forze in campo, che affidabilità abbia il premier Serraj, portato a Tripoli dagli occidentali e tuttora protetto in un bunker, che gioco stia facendo il generale Haftar, che comanda qualcosa di simile a un esercito ed è appoggiato da Egitto e Francia, che fine faranno i terroristi in fuga da Sirte (mettiamo che vada così) dopo i bombardamenti, e chi si occuperà di loro. Invece niente, silenzio, strizzate d’occhio sulla nostra proverbiale furbizia, sull’equilibrio del premier Renzi, sul fatto che finora non abbiamo subito attentati. Un paese libero e democratico non può accettare di entrare in guerra senza dirlo, senza che il Parlamento sia chiamato a discuterne. Questo dovrebbero dire, all’unisono, le opposizioni. A questo dovrebbero rispondere tutti coloro che, nella maggioranza, non si vogliono ridurre a fare i camerieri di un premier che finge distacco e se ne sta con la famiglia in Brasile, aspettando le medaglie. Continua la lettura di Guerra e Rai

L’anti partito della nazione

Un termine per il premier, “Massimo due mandati”. Ancora lui! Quasi ogni giorno è Renzi a dettare il titolo d’apertura dei giornali. L’attrazione fatale che esercita sul sistema mediatico dà la cifra del suo indubbio successo, ma anche della continua sensazione di precarietà che questo successo induce nella pubblica opinione, legato com’è a continue promesse, ad annunci, a polemiche contro i gufi di turno, a rassicurazioni che non rassicurano del tutto. Può essere allora utile raccontare in che contesto il premier abbia fatto la promessa odierna: “non più di due mandati”. Alla festa di Repubblica Scalfari lo aveva sfidato: “sono per l’abolizione del Senato, ma voto No al referendum perché la legge elettorale così com’è ti rende padrone del campo”. Renzi gli ha risposto che la legge elettorale non l’ha scritta lui, o almeno non completamente, che il ballottaggio però serve per evitare l’inciucio, che lui non mira a una lunga dittatura personale, infatti è favorevole al limite dei due mandati. Così dicendo, tuttavia, ha confessato quello che poco dopo ha provato a negare, e cioè che la forma del governo non sarà più, se vinceranno i Sì al referendum, parlamentare ma diventerà presidenziale, o meglio, che andremo verso una democrazia del premier, una forma di premierato assoluto. A cosa servirebbe, altrimenti, porre un limite al mandato di chi governa come si fa in Francia e negli Stati Uniti? Continua la lettura di L’anti partito della nazione

L’ultradestra fermata per posta

L’ultradestra fermata per posta. Questo titolo, a pagina 2 di Repubblica restituisce il senso della sconfitta solo per un soffio in Austria, grazie al voto per corrispondenza, del partito pro muro e pro filo spinato, anti europeo e simil fascista. Il sospiro di sollievo dopo la paura suggerisce ad alcuni che, alla fine,” l’uno contro uno funziona”, nel ballottaggio i buoni si riuniscono e il cattivo perde. In Austria però si trattava di eleggere un simbolo, un Presidente con pochi poteri. E sul filo di lana una maggioranza risicata ha bocciato il simbolo più sapido, quello con cui si rischiava di più. Con l’italicum invece si elegge al ballottaggio il capo del governo e con quel voto gli si regala la maggioranza assoluta, facendone il dominus incontrastato per 5 anni. È probabile allora che la santa alleanza funzioni al contrario, che gli elettori più diversi votino insieme contro l’arroganza di chi vuol tutto. In modo educato lo spiegano oggi al premier Stefano Folli su Repubblica e il direttore del Corriere Fontana. Ma è inutile. La campagna ormai è lanciata. Continua la lettura di L’ultradestra fermata per posta