Archivi tag: De Gaulle

Non si vota a giugno

 

I fatti separati dalle opinioni

I fatti separati dalle opinioni, fu lo slogan del primo Panorama diretto da Lamberto Sechi. Oggi proverò a separare, leggendo i giornali, i fatti da opinioni. Non è facile, perché spesso i fatti sono notizie sulle quali si è affermata un’opinione prevalente, più quella opinione non prevale più smettono di essere fatti. Tenterò comunque. FMI prevede per l’Italia una crescita dello 0,9% nel 2017, Ocse dello 0,8%, Confindustria dello 0,7. Invece il governo mette in conto un +1%. Alle critiche di Bankitalia che ritiene “ottimistica” tale previsione, Padoan ha risposto in Parlamento che “è vero, l’obiettivo del 1% è secondo alcuni ottimistico, secondo altri ambizioso ma che, a suo parere, è un obiettivo realizzabile”. Questo è un fatto. Titoli: “Padoan difende la crescita all’1%: è realizzabile”, Corriere della Sera. “Battaglia sul DEF: stime da rivedere. Renzi dice: i soldi ci sono”, Repubblica. È un fatto pure che ieri il differenziale di rendimento fra i Btp e i Bund tedeschi, insomma il famoso spread è salito di 7 punti”. L’opinione (piuttosto diffusa) è che ciò sia stato provocato dall’intenzione della BCE di non comprare più ogni mese fino a 80 miliardi di titoli di stato. La BCE smentisce, ma La Stampa vede già la “tempesta perfetta” addensarsi sul nostro paese: “La BCE studia il taglio al bazooka”. “Il fondo monetario taglia le stime di crescita dell’Italia”. Continua la lettura di I fatti separati dalle opinioni

Tre referendum, tre No

Tre referendum sotto i riflettori. Il primo, in Ungheria: “Uno stop a Orban”, titola il Corriere. Eppure il quesito referendario era ruffiano: “Vuoi tu che il parlamento ungherese abbia l’ultima parola sulle leggi che l’Unione europea ci vuole imporre?”. Che scherziamo? Certo che Sì! Gli ungheresi parlano una lingua diversa da tutte le altre intorno, a scuola apprendono che il primo regno d’Ungheria risale all’anno Mille, e che nel 1848 Budapest insorse contro l’impero asburgico. E invece No! Una maggioranza del popolo magiaro, il 57,1% degli aventi diritto al voto, ha scelto ieri di restarsene a casa, di non andare a votare pur di non dire sì, al suo nazionalismo autoritario, alla strumentalizzazione palese di quei, soli, 1300 profughi che l’Unione europea chiede all’Ungheria di accogliere. Continua la lettura di Tre referendum, tre No

Fallito il colpo di stato in Turchia

Il colpo di stato è fallito. Nella notte una folla ha circondato i militari “buoni” ad Ankara e Istanbul. In difesa di un presidente eletto, ancorché dispotico e lunatico. Una folla che ha affrontato le armi a mani nude, che è salita sui tank, che ha detto “no, grazie”, il popolo è sovrano e l’esercito non può proteggerlo contro la sua volontà. E ha vinto quella folla. Eppure alle 10 di ieri sera, quando aerei da caccia ed elicotteri hanno preso a sorvolare Ankara, e i ponti sul Bosforo sono stati bloccati dall’esercito spezzando in due Istanbul, quando l’aeroporto Ataturk è stato occupato e la televisione di stato è stata spenta, pochi avrebbero scommesso su di un tale esito. I social media non funzionavano perché i militari golpisti avevano adottato le medesime tecniche di controllo sperimentare da Erdogan. I Media internazionali raccontavano di un presidente in fuga verso la Germania e di Berlino che gli avrebbe negato il permesso di atterrare, i titoli dei nostri giornali davano già per concluso il tempo di Erdogan, ma Erdogan stava parlando alla televisione, alla CNN turca, si stava facendo vedere, usando il sistema Apple di video chiamata, stava chiamando il suo popolo a resistere. Gli Imam nelle moschee – era notte tarda, ma pur sempre venerdì di preghiera – invitavano i fedeli musulmani a sollevarsi in difesa del sultano. Così fra mezzanotte e le due lo scenario è cambiato. Il rapporto di forze si è rovesciato. La televisione è stata “liberata”. Continua la lettura di Fallito il colpo di stato in Turchia

A carte scoperte

Politica batte populismo 4-0. Quando Matteo Renzi ha mostrato le slide con i gufi mi sono quasi commosso. É questo l’immaginario semplificato del premier: da una parte gufi, che non credono alle magnifiche sorti e progressive del suo governo, sciacalli, Grillo e Salvini, dall’altra il Cavaliere senza macchia che ha svegliato la Bella Addormentata, portando il PIL dell’Italia dal meno 0,4% del 2014 (quando già Renzi governava) al più 0,8 del 2015. Però credo sia ingeneroso – e anche un modo di mettere la testa sotto la sabbia – concludere, come fa il Giornale, che sono solo “Chiacchiere e distintivo”, o come il Fatto, elencare “Tutte le bugie di fine anno: lavoro, banche, PIL, scuola”. Preferisco il titolo che il manifesto prende in prestito da Checco Zanone: “Quo vado”. Perché mette il dito su incertezze, lungaggini, esitazioni della conferenza stampa, che rilevavano l’assenza di una visione del futuro. Continua la lettura di A carte scoperte