Archivi tag: Palmira

Morire per Aleppo

Sangue, strage, terrore..e Natale. Parole tremende da accoppiare alla festa per eccellenza, alla pausa d’inverno che l’uomo si concede da sempre, al giorno in cui i cristiani celebrano la nascita dell’uomo divino. A Berlino ieri la festa dell’amore si è mutata in sabba dell’odio. In pieno centro, un camion irrompe su donne, padri, bambini che compravano miniature dei re magi da mettere nel presepe o addobbi per addobbare l’albero. Almeno 12 i morti, decine di feriti. Sul tir, che veniva dall’Italia, un autista polacco senza vita e il terrorista, che sarebbe stato arrestato. Forse un profugo. Certo un salafita o wahabita, uno che ha risposto all’appello del Daesh: “Raddoppiate i vostri sforzi, colpite i crociati: americani, europei, traditori turchi, comunisti russi, tiranni arabi”. È chiaro come ognuno di noi sia un obiettivo, che tutti possiamo finire nel mirino della anti mondializzazione medievale e islamista. Nelle nostre città possiamo provare a difenderci con l’intelligence, con lo scambio di informazioni fra le polizie, monitorando sul web gli aspiranti assassini e neutralizzandoli prima che colpiscano. Talvolta ha funzionato, ma non esiste un riparo assoluto. In Siria e in Iraq avremmo dovuto schiacciare la testa del serpente. Perché questa follia stragista è anzitutto politica, cerca di conquistare le terre dell’islam, di appropriarsi dei luoghi simbolo di quella religione per ricattare un miliardo di musulmani nel mondo. Invece i tagliagole di Al Baghdadi si sono ripresi Palmira, mentre russi e siriani si prendevano Aleppo. Gli Stati Uniti non hanno voluto mettere in riga i sauditi, finanziatori e ideologi del terrorismo. Temendo di fare il gioco di russi e iraniani, si sono messi fuori gioco. Continua la lettura di Morire per Aleppo

Col senno del poi

Impressionante come la sappiamo lunga, dopo! Altan. “Undici arresti, cellula annientata”, dice Repubblica. “A Bruxelles preso un pesce grosso”, Corriere. “La doppia offensiva contro l’Isis”, Stampa. E qui ci si riferisce anche all’attacco siriano (reso possibile dall’aiuto russo) che sta strappando Palmira al Daesh, e a quello americano, che ha portato all’eliminazione di Haji Imam, uno dei caporioni, che sarebbe stato meglio catturare vivo (7 milioni la taglia) ma che alla fine è stato ucciso. I giornali oggi sottolineano il nesso inscindibile tra terrorismo, a Parigi e Bruxelles, e i viaggi dei kamikaze, tra Siria e Iraq. “La strage del Belgio, il deserto siriano: i due livelli della cellula”, riassume il Corriere. “Belgio Siria andata e ritorno”, – scrive Repubblica – “così i jihadisti delle stragi hanno attraversato l’Europa”. Ma se la stessa cellula ha fatto strage il 13 novembre a Parigi e il 22 marzo a Bruxelles, che cosa abbiamo fatto “noi”, francesi e belgi, cosa noi europei per ben 130 giorni? In Turchia avevano arrestato ed estradato uno dei terroristi: appena arrivato è stato rimesso in libertà. Il diavolo artificiere era noto da due anni. Continua la lettura di Col senno del poi

Un caffè per Mattarella

Un democristiano fuori tempo e fuori luogo. Sì, caro Mattarella, é questo che Ella rischia di diventare. Dico democristiano nell’accezione che si dava al termine dopo 30-40 anni di ininterrotto e usurante esercizio del potere: qualcuno uso a edulcora la realtà, a mediare anche quando non si potrebbe, a porsi al centro comunque, perchè è così comodo mettersi al centro della scena e dei consensi. Lei ha voluto citare il Papa, scorgendo nelle cronache del mondo “germi della terza guerra mondiale”, ma per poi banalizzarne la causa, “il terrorismo alimentato anche da fanatiche disorsioni della fede”. Così attribuendo a uno degli effetti lo status di causa.

Bergoglio parla di Stati, di mercanti di armi, o di produzione di armi che esalta i mercati. Da penitente, prega perchè le religioni monoteiste non alimentino odio e terrorismo. Quasi il contrario di quel che Lei ha detto. Il Papa ricorda come il genocidio degli Armeni, che si portò dietro la persecuzione dei cristiani, nacque un secolo fa dalla guerra turco russa. Francesco vede come la guerra tra sunniti e sciiti usa  il terrorismo, ma sa che la alimentano le monarchie del petrolio e la incoraggia il divide et impera di Israele. Erdogan spara sul Pkk e ne sollecita la reazione terrorista per vincere le prossime elezioni anticipate. E molti tagliagole islamici, caro Presidente, furono reclutati in carcere da Imam wahabiti pagati dai sauditi. Altri fecero le loro prove al soldo dell’Occidente in Iraq, nell’ex Iugoslavia e nell’ex URSS.

Si guardi, Mattarella, dalla banalizzazione che strappa l’applauso. Troppo facile. Tutti concordano – pure Giuliano Ferrara- se dal Quirinale si addita il nemico terrorista Quasi tutti sognano una guerra in Africa (contro il terrorismo, of course) che ci sbarazzi dell’immigrazione (“800mila richieste di Asilo in Germania”, Financial times). E quasi nessuno ama fare i conti con la crisi dell’Occidente, quella crisi per cui il Papa chiede oggi che “la vita della famiglia non sia mai ostaggio del profitto”. Vede, Presidente, se Lei si mette a fare il democristiano (scusi se mi ripeto) fuori tempo e fuori luogo, sprecherà il  settennato e deluderà chi in Lei aveva riposto speranze. Non potrà moderare il premier che vuole imporre una riforma costituzionale da Lei definita impropria già nel 1983. Non potrà costituzionalizzare il dissenso a 5 Stelle, nè contenere la deriva razzista, alimentata anche da bugie e omissioni del governo sui migranti. Vale la candela?

Decapitato il custode di Palmira, la Stampa. Khaled Asaad è stato torturato per un mese ma non ha detto agli aguzzini dello Stato Islamico dove si trovassero i tesori di Palmira da barattare con armi. Non vittima del terrorismo ma eroe della resistenza contro uno stato nazista.

Berlino chiude il caso Grecia, Corriere, ma “Merkel soffre la peggior ribellione nelle sue fila”, El Pais. In 83 della maggioranza hanno votato contro gli aiuti ad Atene. Nonostante l’europeista, ancorchè falco, Schäuble abbia fatto scudo alla Cancelliera col suo prestigio e col corpo.

Dopo la catastrofe di Tiajin, la collera dei cinesi, Le Monde. La Cina è un vulcano, da anni. La lotta di classe si esprime con documenti che contestano qualità della vita e del lavoro, città dormitorio, fabbriche che uccidono, e il ghigno cinico e spietato dei ricchissimi corrotti. E con rivolte. Il partito reprime, edulcora, mette a morte qualche pescecane, chiede uno sforzo comune per cambiare adagio e senza strappi.

Scioperi e contratti, piano del governo per i sindacati. C’è del metodo nella follia del Renzi. Con la riforma costituzionale al palo e il jobs act che funziona solo secondo l’Inps, il premier si vorrebbe inventare -assicura Repubblica- un’altra legge per regolare questa volta il diritto di sciopero e l’attività sindacale. Il neo renziano Martina offre al progetto un’anima di sinistra e denuncia la piaga del caporalato mafioso Caporali e sindacalisti in un solo fascio. Marchionne Renzi e Poletti nell’altro. Narrazione, storytelling, segnali di fumo?