Archivi tag: De Petris

Sullo ius soli, in Senato

A proposito delle polemiche sullo ius soli: quando e da chi è stato davvero negato il diritto di vedere riconosciuta la cittadinanza italiana ai tanti ragazzi che sono cresciuti e hanno studiato in Italia. Martedì 19 dicembre De Petris, Gatti, Mineo, Petraglia, Dirindin, Manconi e Tocci hanno chiesto l’inversione dell’ordine del giorno. Una maggioranza PD-centrodestra ha votato contro. Il mio intervento in Senato.

Unioni difficili

Unioni: dietrofront di M5S, stop dei 5 Stelle, sgambetto di Grillo. Così è se vi pare. Ieri sera il senatore Airola ha spiegato che il movimento era per le unioni civili ma poiché la Lega si era detta disponibile a ritirare 4.500 dei 5mila emendamenti presentati, non avrebbe votato “il canguro” Marchini, l’emendamento premissivo che, falciando emendamenti e dibattito, avrebbe evitato che il Pd si dividesse in aula mettendo al sicuro lo scheletro della legge Cirinnà. I giornali, tutti i giornali, presentano “la mossa” come un espediente politicista, imposto ai senatori dal direttorio e da Casaleggio. Lo scopo: a) non aiutare il Pd a risolvere le sue contraddizioni; b) intercettare il voto moderato di chi si è ormai convinto che la stepchild adoption ( la possibilità di adottare il figlio biologico del convivente omosessuale) sgretolerebbe la famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e di una donna. A questo punto Loredana De Petris, Sel-Sinistra Italiana, chiede la sospensione: votano a favore Pd, parte del gruppo misto, Verdini e i suoi, e si rinvia. Continua la lettura di Unioni difficili

Sottomissione e trasformismo

Sottomissione. Per la Stampa Massimo Gramellini prende in prestito il titolo di Houelbeck per raccontare la stucchevole vicenda della Venere Capitolina, nascosta insieme ad altri capolavori, per non turbare il pudore islamico del presidente eletto dell’Iran, Rouhani. Peccato, osserva Michele Serra per Repubblica, che “quelle icone della classicità, e poi modello dell’umanesimo, siano fondamento della cultura e della civiltà mediterranea europea”. Sul Corriere Giannelli immagina un Rouhani che si faccia alzare da Renzi per ammirare comunque la statua celata: “Che meraviglia!! Complimenti!” Continua la lettura di Sottomissione e trasformismo