Archivi tag: governo del territorio

Chi divide l’Italia e perchè

Dall’Economist una spinta al No, Renzi non ci sta. Così Repubblica. “Sprecati due anni ad armeggiare con la Costituzione”. È questa l’accusa principale che il settimanale britannico muove al governo Renzi. Ha ragione? Sì, ha ragione. Non abbiamo varato una buona legge per la protezione del suolo (titolo oggi della Stampa: “Un fiume di fango e di paura, il Nord Ovest rivive l’incubo della alluvione del 94”), né una legge che disegni una mappa completa e condivisa del rischio sismico, non abbiamo usato il metodo Falcone per colpire la grande evasione che alimenta il capitale criminale. Abbiamo intasato il Parlamento con le riforme di Renzi, che cambiavano man mano che il suo trasformismo individuava nuovi alleati, da Verdini a Chiti. In Parlamento ci siamo baloccati con una questione tutta interna alla politica: cercare nuove regole per ridurre l’intermediazione, alleggerire i cittadini da un certo numero di appuntamenti elettorali e garantire più potere e meno controlli per 5 anni a chi prevarrà, anche di un soffio, nel voto popolare. Così è. Dopo la sbornia del 41 per cento alle Europee, il Governo ha chiesto molto per sé, non ha dato più nulla al paese, se non sgravi e bonus elettorali e l’enfasi su una ripresa inchiodata allo zero virgola! Continua la lettura di Chi divide l’Italia e perchè

Epicentro Italia

Epicentro Italia, il manifesto. La placca africana preme sull’Europa e l’Appennino si abbassa di qualche centimetro verso il Tirreno. Nel sottosuolo si attiva una faglia. Più a nord di Amatrice. È la stessa che tanti lutti ha provocato sul finire di agosto? Forse no, forse si tratta di una seconda faglia e perciò dovremo attenderci altre scosse. I titoli dei grandi giornali si rincorrono: “incubo terremoto”, “doppio terremoto”, “terremoto infinito”. Le due scosse di ieri, prima e dopo i telegiornali di prima serata, si sono avvertite anche a Roma, e questo ha permesso ai giornalisti di farne cronaca in diretta. Non sono state piccole scosse. I sismografi registrano 5,4 e 5,9 della scala Richter. Quella di Amatrice ebbe magnitudo 6. Ma stavolta – per fortuna i terremoti non sono tutti uguali – si lamentano danni ingenti alle chiese, alle case, alle strade ma non alle persone. A parte la paura, la notte all’addiaccio, il buio e la pioggia, l’incubo di aver perso la casa, di risvegliarsi in un borgo devastato. Continua la lettura di Epicentro Italia