Archivi tag: Stalin

Terroristi e demagoghi

Il killer in fuga ucciso a Milano. A tutta pagina, sul Corriere. La sera della strage al mercatino di Natale Anis Amri, bullo violento di 24 anni, per 4 detenuto nelle carceri italiane e poi “reclutato” dell’Isis, aveva camminato 40 minuti nel centro di Berlino fino al centro islamico del quartiere Moabit, di fronte a un posto di polizia. Lì aveva dormito (pare) presentandosi come marocchino e musulmano ma nemico dell’Isis. Il giorno dopo, sempre a Belrino, si era fatto il selfie per rivendicare l’attentato e “postarlo” in rete. Poi ha lasciato la capitale tedesca, è passato in Svizzera e da lì in Francia. A Chambery ha comprato un biglietto del TGV per Milano. Ma forse è sceso a Torino perché nella capitale della Padania è arrivato con un treno regionale. Fino a una piazza da cui partono pullman diretti a sud, poi lo hanno fermato due agenti, Cristian Movio e Luca Scatà (sulla diffusione dei loro nomi da parte del Viminale infuria la polemica). Anis si ferma, dice di essere calabrese, vuota lo zaino, fingendo di cercare i documenti che non ha, poi estrae la pistola, grida in italiano “polizia bastardi”, spara e ferisce Movio. Sparano anche Cristian e Scatà e lo uccidono. Angela Merlel dice: “Grazie Italia”. Il Giornale titola: “Una bestia in meno”. Grillo interviene: “L’Italia è un colabrodo. Bisogna agire”. Agire come, Beppe? “Chi ha diritto di asilo resti in Italia, tutti gli irregolari siano rimpatriati subito”. È quel che dice da tempo Alfano, ma non riesce a farlo. Continua la lettura di Terroristi e demagoghi

Dedicato a Fidel

Con la bava alla bocca. Fa specie vedere Trump e, qui da noi, Libero e il Giornale far festa per la morte di un uomo di 90 anni che ha tenuto testa per 57 all’unica super potenza rimasta nel pianeta, che ha respinto un’invasione promossa e finanziata dalla Cia, ha sopportato con il suo popolo l’odioso embargo americano, si è preso la soddisfazione di vedere “un Presidente nero” e un “Papa latino americano” venire a Cuba da ospiti, non a dettar legge. O gonzi! Quel barbuto comandante, con le braccia lunghe lunghe e le gambe ancora di più, ha vinto. Una vittoria amara, certo. Perché Guevara non è riuscito a rompere l’accerchiamento. Perché la solidarietà internazionalista (dell’Urss, per non parlare della Cina) s’è rivelata una truffa: prendeva più di quel che offriva. Perché nessun paese dell’America ispanica, neanche il Venezuela di Chavez, meno di tutti il Venezuela di Chavez, gli ha saputo offrire una sponda credibile. Un dittatore, Fidel? Sì, abbandonato da tutti, Castro lo è stato. Ma un dittatore amato e rispettato dalla maggioranza del suo popolo. Perché in cambio delle sofferenze, della penuria, degli errori burocratici e di scelte obiettivamente autoritarie, Fidel ha saputo offrire ai cubani un bene impagabile: la dignità! Il rispetto di sé, nei confronti di un Grande Fratello che aveva trattato Cuba (e la tratterebbe ancora) come una sala da gioco e un bordello a cielo aperto “nel giardino di casa” dell’imperialismo yankee. Continua la lettura di Dedicato a Fidel

Russia, Iran, Cina

Un fagotto di notizie che non commenterò. Dal burkini in spiaggia a Salvini travestito da poliziotto, dal sommergibile tricolore a caccia di terroristi (presumo, con scafandro e bombola) a Trump “tirato per i capelli”. Altri, più autorevoli, vi delizieranno con tutto questo dalle pagine dei giornali tornati in edicola. D’altra parte è ancora estate! Ieri stavo per sbarcare su un’isola vicina e già un cacciatore di ospiti, ragguagliato non so da chi, mi prenotava per un “collegamento dall’isola” e su questioni isolane, di cui nulla so. Beninteso, niente di scandaloso o di inconsueto: sul tuffo che ha consentito alla Miller di tagliare prima il traguardo dei 400 metri o sul pensiero d’argento di Rachele per la sua Diletta, ne sono state dette e scritte di ogni colore. È la crisi, bellezza. Un giornale politico non si finanzia più solo con gli abbonamenti o l’obolo dei lettori in edicola: lo ho constatato con Left, piccolo settimanale corsaro, ma non diversa è la lezione che viene dall’Espresso, storico settimanale che sarà venduto come supplemento di Repubblica. Dunque, per provare a campare, si mette nell’informazione “di tutto di più”. Slogan che alla Rai non ha portato fortuna. Ma chissà. Continua la lettura di Russia, Iran, Cina

La vita è bella(se ci ribelliamo)

C’è l’accordo, ha detto poco fa, che sono quasi le 9, il premier belga. Ma questa notte non si cancellerà, nè le metafore guerresche usate dai giornali: “Grecia al muro” Repubblica e Corriere. “Colonia d’Europa” il Fatto. La Germania invade la Grecia”, il Giornale. Per il Guardian “L’Europa si vendica di Tsipras”. Liberation si chiede “A che gioco gioca la Germania” “Incerto il futuro della Grecia nell’euro per le pressioni tedesche”, Financial Times. Molti ckiccano l’hashtag #ThisIsACoup, “è un colpo di stato”. In una notte, senza più mediazioni o infingimenti, si è voluta imporre alla all’Europa e alla Grecia la legge tedesca. “Stanno uccidendo il progetto europeo”, scrive Krugman New York Times.

Il catalogo delle crudeltà, come l’ha definito SpiegelOnLine è vario: dall’introduzione dei licenziementi collettivi e di un’IVA ancora più alta, all’istituzione di un fondo di garanzia con i proventi delle privatizzazioni controllato dall’euro gruppo, all’obbligo al Parlamento greco di approvare le misure in 2 giorni. Pare che Tsipras si sia sfilata la giacca: “prendete pure questa”. Duro battibecco tra Draghi e Schäuble con il tedesco che sbotta: “non prendermi per stupido”. Schäuble vuole che la BCE lasci fallire le banche greche, Draghi teme per l’euro zona Merkel, la mediatrice, si accontenterebbe solo di deporre il governo Tsipras. Così la Bild titola: “Tsipras va verso le elezioni”.

In tutto questo c’è un nugolo di zombie che blatera in televisione e dilaga nella rete, pretendendo che questa crisi sia un affare di debiti non pagati, di cicale imprevidenti e di formiche risentite. Invece è una crisi politica. Per la terza in cento anni il Volk tedesco, cioè “lo spirito del popolo-nazione che, diventa identità divina, organismo che deve pensare solo alla propria esistenza ed al proprio sviluppo” (manifesto di Ventotene!) si impone all’Europa tutta. Si illudono quelli che ammiccano narrando che dopo la conclusione, quale che sia, della crisi greca sapremo riportare la Germania sulla retta via. Noi chi? Francia, Italia e Spagna che non hanno elaborato alcun progetto? Il socialista tedesco Gabriel che conosceva e aveva condiviso l’obiettivo vero della trattativa, cioè cacciare la Grecia? L’Europa è già un protettorato tedesco.

Certo,nulla è perduto se esistono uomini liberi. La vita è bella”, scriveva Trotsky il 27 febbraio del 1940 sei mesi prima che Stalin lo facesse ammazzare. E Spinelli, nel 1941, quando i fascismi stavano vincendo la guerra, scommetteva che il “valore permanente dello spirito critico” avrebbe vinto “contro il dogmatismo autoritario”. Al contrario la politica come gioco, pura ricerca del potere, intenta solo a gonfiare i vantaggi per la propria parte e ridurre le perdite, finisce più spesso nella vergogna di Monaco -quando Regno Unito, Francia e Italia autorizzarono la presa nazista della Cecoslovacchia. O nell’orrore di Srebenica, con caschi blu Onu, comandante bosniaco sul campo Oric, autorità di Sarajevo che dissero “a me che importa”, magare pure mi conviene, preparando così il massacro dal generale serbo Mladic.

Il re è nudo Oggi le polemiche sulle debolezze del governo, la soap opere sul Pd o su Mafia Capitale, persino lo scontro sull’agenda parlamentare -se si debba sistemare solo la Rai o si possa decidere prima dell’estate sulle unioni civili, tutto questo non mi pare più aver senso. Se manca una visione dell’Europa, del mondo intorno e dell’Italia in Europa. Una visione e un’ispirazione. Una parola che cacci i mercanti dal tempio. Della politica. La vita è bella?Spirito critico contro dogmatismo autoritario? Avanti, vediamo!