Archivi tag: tav

Povera America e poveri noi

An unusually dark, bitter face-off. Un confronto nero, amaro come mai era capitato di vedere: Washington Post commentava così, questa notte, a caldo la performance dei due principali candidati per la Casa Bianca. Trump ha detto che farebbe arrestare la Clinton per le mail del dipartimento di Stato che ha nascosto, Hillary ha detto che Donald vive “in una realtà parallela” e non può fare il Presidente. Prima del dibattito nella università di St. Louis, Trump si è presentato in conferenza stampa circondato da 4 donne: 3 si sono dichiarate vittime sessuali di Bill Clinton, la quarta ha accusato Hillary di aver difeso, quando faceva l’avvocato, l’uomo che la stuprò a 12 anni, riuscendo a farlo condannare soltanto per “carezze illegali” a una minore. Clinton ha chiesto a Trump: hai usato o no le imposte non pagate per 18 anni? Certo che sì, le ha risposto Trump, ho usato i favori fiscali che tu da 30 anni garantisci ai tuoi amici e finanziatori. Hillary ha difeso i compromessi della sua lunga carriera citando un film di Spielberg in cui Abraham Lincoln tratta sempre col Congresso. “C’è una grande differenza fra te e Lincoln – l’ha gelata Donald – lui non ha mai mentito”. Ancora meno tasse ai ricchi ma anche alt all’acciaio cinese per proteggere i minatori americani, dice Trump. I ricchi paghino le tasse, risponde Clinton, ho lavorato 30 anni – dice – per proteggere la classe media e sostenere le sue conquiste. Bloccare alle frontiere i migranti siriani e musulmani, in quanto potenziali terroristi, e far di tutto per cancellare il califfato, dice Trump. Per Clinton, invece, il nemico principale è Putin, che copre in Siria crimini contro l’umanità, spia, hakera, viola la privacy dei cittadini e delle istituzioni americane, e fa di tutto perché vinca Trump. Non prendo soldi dalla Russia, risponde Donald, che scarica il suo vice, Pence, reo di aver condannato, senza se e senza ma, i bombardamenti russi su Aleppo. Continua la lettura di Povera America e poveri noi

Le Cassandre di Confindustria

Un ristorante a Dacca in Bangladesh, attacco dei terroristi islamici, blitz delle truppe speciali, uccisi i 5 attentatori: ora tocca contare le vittime tra i turisti. Seduti là c’erano anche degli italiani. La nostra estate sarà così e pure le altre, per i prossimi anni. L’area della frustrazione islamica, nella quale questi wahabiti assassini possono reclutare, è immensa: tenerla sotto controllo è come voler svuotare il mare con un cucchiaino da caffè. Possiamo fare tre cose. Chiudere la partita col Daesh in Siria e in Iraq: l’obiettivo prioritario di questi fanatici è mettere radici in Medio Oriente, nei luoghi storici dell’Islam. Senza quelle basi, senza presunti stati islamici da vantare e nei quali accogliere, per un viaggio iniziatico, i futuri kamikaze, i loro veleni si diffonderanno con difficoltà. La seconda è dialogare, come fa il Papa. Ogni musulmano deve poter pensare che il settario (con mitra, cintura esplosiva e corano) sia in realtà un suo nemico, e che, invece, il confronto tra le religioni (e le culture) monoteiste, tra l’oriente e l’occidente possa essere fecondo. Terzo, dobbiamo abituarci al rischio: sul piano statistico queste stragi sulle spiagge, nei bar e negli aeroporti aumentano il rischio per noi viaggiatori in modo non rilevante. Puoi incontrare la banda sbagliata in Messico, salire sul pullman il cui unico autista avrà un colpo di sonno, prenderti un proiettile al Bataclan. I rischi per le nostre vite non sono così aumentati dopo l’11 settembre, la percezione del rischio e la paura, invece sì. A chi mi dice di evitare Istanbul, ricordo che l’Italia nel 1980, con la strage di Ustica e con quella di Bologna, non era un luogo più sicuro. Continua la lettura di Le Cassandre di Confindustria

Omofobia e terrore

Terrore nel locale gay, “La sfida all’America”, “la firma dell’Isis”. È quanto raccontano oggi nel titolo di apertura Corriere della Sera , Stampa e Repubblica. Zucconi scrive di una “nuova guerra civile” che “fanatici o ideologici, dal wahabismo al fascismo”, vogliono condurre “contro il male” rappresentato “da un’America pagana e materialista che li manda in bestia”. Stille e Gaggi scrivono delle conseguenze che la strage può avere sulla campagna elettorale negli Stati Uniti; Donald Trump che ha già chiesto le dimissioni di Obama. Mettiamo in fila i fatti: un uomo di 29 anni, un “ragazzo” secondo i nostri telegiornali, ha ammazzato 50 persone e ne ha ferito altrettante in un locale frequentato da omosessuali. Aveva armi da guerra, che in Florida si comprano senza dover lasciare neppure il proprio nome. “Odiava i gay”, dice il padre il quale tuttavia è noto come simpatizzante dei talebani. “Mi picchiava”, fa sapere la moglie. Con una telefonata, l’assassino all’ingrosso avrebbe dedicato la carneficina al califfo dell’Isis. L’FBI non esce meglio da questa storia della polizia francese dal Bataclan. Questo Omar, infatti, nato americano da genitori afgani, era stato controllato ma rilasciato. E aveva persino fatto la guardia giurata a edifici governativi. Continua la lettura di Omofobia e terrore