Archivi tag: arresto

Crisi di Panico

Crisi di panico, titola il manifesto. Mentre il governo otteneva la fiducia dal Senato, l’appena confermato Ministro del lavoro spiegava che si voterà a marzo perché bisogna far slittare i referendum della Cgil. Non conosco Poletti, visto in televisione non mi sembra un’aquila, ma purtroppo la Stampa attribuisce un pensiero analogo anche all’esule di Pontassieve: “Il piano di Renzi: alle urne in primavera per evitare il referendum sul jobs act”. Meglio elezioni avvelenate, dunque con l’inevitabile nuovo scontro fra opposti populismi, che far pronunciare gli elettori sul jobs act. Pazzia! Intanto davanti a Montecitorio alcuni sedicenti “cittadini” mettevano in scena “l’arresto” dell’ex deputato, Osvaldo Napoli. Continua la lettura di Crisi di Panico

Se non è questione morale, cos’è?

Nessuna questione morale, assicura Matteo Renzi. “Arresto sproporzionato”, si dice al Pd. “Sproporzionato danno elettorale”, a Palazzo Chigi. “Se metto in fila Potenza, Napoli e Lodi…” sbotta il capo gruppo del Pd Rosato. Meno male che Renzi aveva detto “non credo ai complotti dai tempi di Biscardi”! Questo Simone Uggetti, sindaco di Lodi, è stato arrestato per “turbativa d’asta”, in pratica per aver truccato gli appalti. Incastrato da una dipendente – la storia su Repubblica, a pagina 4 – che non voleva firmare il bando per la gestione di una piscina. Il sindaco la convoca prima mellifluo, poi sempre più autoritario, alla fine lei si porta un registratore proprio quando l’altro le offre “di tirare dentro la sorella, insomma di farla partecipare agli utili dell’affare. Viene dal Pci, questo Simone Uggetti, ma a Lodi è ora l’uomo di Lorenzo Guerini, ex democristiano e vice segretario renziano del Partito Democratico. Continua la lettura di Se non è questione morale, cos’è?

Storia di un kamikaze

Battaglia a Bruxelles, la Stampa. “Preso lo stagista”, Repubblica, “L’assassino fantasma”, Corriere, “La belva islamica, il Giornale. A terra, ferito a una gamba: “Salah Abdeslam? Gli gridano” “Sono io”. 26 anni, francese, la famiglia, originaria del Marocco, va a vivere a Bruxelles. Quando il loro appartamento va in fiamme, pare proprio per colpa dei ragazzi Abdeslam, il sindaco di Molembek gli assegna una casa popolare nella piazza del municipio. Meccanico a vent’anni nella municipalizzata dove aveva lavorato pure il padre, fa troppe assenze e perde il posto. Lo fermano per furto a 22 anni e a 23 apre con il fratello un locale, “Les beguines”, che viene chiuso dopo poco perché dentro si spacciava hascisc. Poi i fratelli, Ibrahim e Salah, cambiano vita, si convertono all’islam wahabita e jihadista, vanno in pellegrinaggio nelle terre del Daesh. Quando tornano a Molembek la loro missione è segnata: farsi esplodere nella capitale dell’illuminismo. Non lo dicono ai parenti e agli amici, partono raccontando alla madre che vanno a sciare. Invece indossano ciascuno una cintura esplosiva. Ibrahim si farà esplodere. Salah, invece, si toglie la cintura dopo la carneficina e scappa lasciando tracce ovunque. Diventa la primula rossa, segnalato alla frontiera con la Germania; no, già in Siria, qualcuno immagina che stia “cantando” nelle mani dei rensaignements genereaux, quando la polizia fa irruzione in “un covo” a 19. No, Salah è semplicemente tornato a casa, a Molembek, tra le persone che conosceva prima di diventare un martire designato, prima della paura (umana, almeno questa) che gli ha impedito di darsi la morte. Che voglio dire? Continua la lettura di Storia di un kamikaze

Unioni difficili

Unioni: dietrofront di M5S, stop dei 5 Stelle, sgambetto di Grillo. Così è se vi pare. Ieri sera il senatore Airola ha spiegato che il movimento era per le unioni civili ma poiché la Lega si era detta disponibile a ritirare 4.500 dei 5mila emendamenti presentati, non avrebbe votato “il canguro” Marchini, l’emendamento premissivo che, falciando emendamenti e dibattito, avrebbe evitato che il Pd si dividesse in aula mettendo al sicuro lo scheletro della legge Cirinnà. I giornali, tutti i giornali, presentano “la mossa” come un espediente politicista, imposto ai senatori dal direttorio e da Casaleggio. Lo scopo: a) non aiutare il Pd a risolvere le sue contraddizioni; b) intercettare il voto moderato di chi si è ormai convinto che la stepchild adoption ( la possibilità di adottare il figlio biologico del convivente omosessuale) sgretolerebbe la famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e di una donna. A questo punto Loredana De Petris, Sel-Sinistra Italiana, chiede la sospensione: votano a favore Pd, parte del gruppo misto, Verdini e i suoi, e si rinvia. Continua la lettura di Unioni difficili